NAO PERFORMING FESTIVAL 2014

Ogni sera c/o Spazio Luigi Nono 1 (foyer e biglietteria), alle h 20.00:

Superonda_installazione (Compagnia Schuko) + On Stage (Mirella e Augusto De Bernardi)

c/o DiDstudio, alle h 21.00:

MARGINAL LAND 

Di Francesco Collavino (selezione bando NAO 2014)

Marginal Land è un percorso lungo paradossali confini alla ricerca di luoghi geografici politici e sociali. Esplora la situazione degli stati, lo stato delle cose, lo stato fisico e emotivo. Lo stato come condizione entro cui il soggetto agisce e muore. E’ una riflessione sulle frontiere, sull’occupazione e sulle tracce. È un viaggio tra luoghi dove l’accesso è vietato, dove spesso si superano i limiti e ci si ritrova dalla parte sbagliata. Dove la danza si libera di se stessa in una doppia negazione e incontra lo spettatore-testimone, offrendosi come giardino e teatro nello stesso tempo.

DSC_009a9 copy

Di Francesco Collavino con Francesco Collavino e Michela Cotterchio musiche Alessandro Agazzi

Ba.Bau.Corp.© con il sostegno di Compagnia Arearea

GO, JOHNNY, GO

ROBERTO COSTA AUGUSTO_ AKESì

“Il corpo precipitò l’anima. E tu, chi sei? Chi? Io? Sì! Tu!  Tu.” – Piero Ciampi

Un corpo spersonalizzato, già annoiato, stanco di vagare. Che non si riconosce, si sente separato, estraneo a se stesso. Cercando di trovarsi, di riconquistare la propria identità occupando uno spazio, un qualcosa che vagamente ricordi una casa, il proprio habitat. Un seme, una certezza da cui iniziare a costruirsi una personalità per placare il senso di vuoto. Perso, scaraventato in una collettività liquida dove tutto è predestinato a essere effimero e volubile. Cerca di supportarsi in questo spazio ostile, con un breve respiro, con un appoggio tangibile per continuare. Comunicando in maniera nervosa e disordinata, parlando una lingua diversa, che ricorda quei nostalgici racconti degli anziani: quelle storie che nessuno ormai vuole più sentire. Talvolta è più necessario l’atto di esprimere che lo stabilire una connessione tra chi parla e chi ascolta.

IMG_1090

Di e con Roberto Costa Augusto Musica Ventilator Una produzione aKesì

LUOGHI D’INCONTRO

TRE STUDI VIDEO

ANNAMARIA AJMONE E MARIA GIOVANNA CICCIARI

Maria Giovanna Cicciari, filmmaker e Annamaria Ajmone, danzatrice presentano tre studi di una ricerca che coinvolge la danza e  l’immagine in movimento. I video presentati si concentrano sul rapporto fra dentro e fuori, fra sala e ambiente naturale, fra chi è filmato e chi filma. L’improvvisazione della danzatrice in esterno si riversa nel disegno di una coreografia per la sala per poi uscire di nuovo fuori all’aria aperta. L’immagine sta sulla soglia mentre il corpo viene esplorato come un archivio popolato da memorie personali, culturali, fantasie e forze invisibili.

ANNA_ARIELLA

Di Annamaria Ajmone e Maria Giovanna Cicciari Danza Annamaria Ajmone Video Maria Giovanna Cicciari Con il sostegno di DiDstudio/Ariella Vidach AiEP, PimOff, Mosaicodanza INSIDEOFF, Kollatino Underground

NAO_dic2014_106x148.indd