HABITdata – 26 e 27 maggio presso Spazio Teatro No’hma

 

La performance è una seconda tappa di un percorso di ricerca che esplora la relazione contesa tra natura umana e vita artificiale, sperimentando le potenzialità della tecnologia dell’automazione applicate alla coreografia.

Variazioni ritmiche, accenti e sospensioni aprono lo spazio, alternate a gesti che rimandano a rituali contemporanei. Gli interpreti sono coinvolti in un dialogo indiretto con un braccio robotico dotato di un occhio-telecamera (kinect) e di un videoproiettore. Attraverso un sofisticato sistema di programmazione, l’automa codifica i movimenti dei danzatori, entrando in relazione con essi e proiettando le sequenze attraverso la kinect in un estraniante gioco di delay.

La relazione tra spazio scenico e realtà aumentata, tra uomo e automa, determina uno sviluppo drammaturgico delle partiture visive, musicali e coreografiche.

 

Crediti

Ideazione e Regia Ariella Vidach e Claudio Prati
Coreografia  Ariella Vidach
Danzatori  Gloria Dorliguzzo, Manolo Perazzi and Francesca Linnea Ugolini
Programmazione Robotica Massimiliano Davì / MAXeffect e Ariella Vidach
Sound design e audio programming Alessandro Perini
Programmazione Max-msp  Paolo Solcia e Riccardo Santalucia
Interactive e visual graphics Sebastiano Barbieri
Light Designer  Stefano Pirandello
Scene Claudio Prati
Costumi AiEP
Produzione AiEP
Co-Produzione  Avventure in Elicottero Prodotti (Ch) / Ariella Vidach Aiep (It)
Con il supporto DECS Cantone Ticino – Fondo Swissloss, DAC Comune di Lugano, MIC-Ministero della Cultura, Regione Lombardia, Comune di Milano

 

Share your love