HABITdata

Spettacolo

La performance è una seconda tappa di un percorso di ricerca che esplora la relazione contesa tra natura umana e vita artificiale, sperimentando le potenzialità della tecnologia dell’automazione applicate alla coreografia.

Variazioni ritmiche, accenti e sospensioni aprono lo spazio, alternate a gesti che rimandano a rituali contemporanei. Gli interpreti sono coinvolti in un dialogo indiretto con un braccio robotico dotato di un occhio-telecamera (kinect) e di un videoproiettore. Attraverso un sofisticato sistema di programmazione, l’automa codifica i movimenti dei danzatori, entrando in relazione con essi e proiettando le sequenze attraverso la kinect in un estraniante gioco di delay.

La relazione tra spazio scenico e realtà aumentata, tra uomo e automa, determina uno sviluppo drammaturgico delle partiture visive, musicali e coreografiche.

Credits

Idea e regia Claudio Prati e Ariella Vidach

Coreografia Ariella Vidach

Performer Gloria Dorliguzzo, Manolo Perazzi, Federica Esposito

Programmazione robotica Massimiliano Davì / MAXeffects

Disegno sonoro e programmazione audio Alessandro Perini

Programmazione max-msp Paolo Solcia

Grafica interattiva e visiva Sebastiano Barbieri

Set Claudio Prati

Costumi AiEP

Produzione 2017/ AiEP

Coproduzione LAC/Luganoinscena

Con il sostegno di FIT Lugano, Milanoltre, IAC Malmoe, MiBACT, NEXT, Regione Lombardia, Comune di Milano, DAC città di Lugano, DECS Canton Ticino/Swisslos